DNA Slim

Sono tante le blogger che dedicano una porzione della loro casa virtuale per condividere il loro percorso verso il peso ideale. Mi rendo conto, quindi, che non sto facendo nulla di straordinario.
O forse sì.
Perché il programma di dimagrimento che ho iniziato oggi è di nuova concezione e nasce in ambito scientifico avveniristico: la genetica.
La mia dieta è DNA Slim

Il tag è “Taglia 42 arrivo” (o meglio sto tornando, visto che in giovane età ero addirittura una 40). Suona un po’ come una minaccia, ma il sovrappeso chiede maniere decise.
In questo post introduttivo faccio un passo indietro, ma solo per raccontare cosa è successo qualche settimana fa e capire un po’ meglio come funziona la dieta genetica.

Inizio settembre
Mi viene recapitato in ufficio un pacchetto. Al suo interno trovo il kit con tutto il necessario per prelevare un campione di saliva, un questionario, la liberatoria per l’utilizzo dei miei dati, un depliant riassuntivo con le istruzioni da seguire passo passo, buste prestampate e preaffrancate per consegnare i miei dati e campioni al laboratorio e alla società che stilerà il mio profilo genetico e, di conseguenza,  il mio nuovo regime alimentare. Più che una dieta sembra una puntata di Art Attack misto CSI, ma è tutto spiegato bene, con parole semplici. Inoltre, la motivazione non mi manca. Oramai fatico a guardarmi allo specchio e la boa dei 40 anni… Sono io!

DnaSlim_kit

Così seguo bene tutte le istruzioni, faccio gli esami del sangue, compilo questionario, firmo autorizzazione al trattamento dei dati, mi infilo due bastoncini in bocca e poi affido le due buste al servizio postale.
Una è indirizzata al laboratorio, ed è quella che contiene i due tamponi con la saliva per l’indagine genetica; l’altra andrà a Trieste al Centro Ricerche che poi abbinerà  i risultati genetici  alle risposte del mio questionario per stilare il programma finale.

DnaSlim

Settimana scorsa
La mia dieta genetica è pronta! Neanche due settimane ed ecco arrivati nella mailbox i quattro file che segneranno la svolta nella mia alimentazione. Ne è venuto fuori un dossier da una quarantina di pagine. Non c’è che dire: il materiale è esaustivo e completo, un po’ di termini ostici ma c’è anche un glossario e poi posso sempre contattare il coach, via mail o per telefono.
Per ora studio, a quanto pare i miei geni sono “attira-ciccia”, hanno un’antipatia per il lattosio e tendono al colesterolo alto. Auff. Ora che lo so, però, ho un’arma potentissima al mio servizio: il cibo, anzi due armi perché la dieta genetica ha identificato quali sono gli alimenti che assimilo meglio e che non mi appesantiscono. Certo, dovrò salutare molti piatti che adoro, ma la ricompensa sarà commisurata all’impegno ed io voglio mettercela tutta. Intanto questo week end saluto pizza e sushi con due cene, poi faccio la spesa e un po’ di pulizia nei pensili in cucina e nel frigo, così da avere tutte le munizioni giuste per far centro nell’obiettivo di dimagrimento. Quasi dimenticavo (mannaggia ai geni pigri!), devo darmi una mossa, in senso letterale. Il regime prevede anche 45’ di attività fisica a supporto di una corretta alimentazione, mi sa che è ora di indossare le scarpe da running e scaricare l’applicazione C25K (Couch to five kilometers, ovvero dal divano a 5 km di corsa, programma di approccio al jogging).

Oggi
Lunedì dieta. Due paroline incubo per ogni donna.
Lo confesso, sono andata un po’ in sbattimento, come era prevedibile. In questi primi giorni devo, infatti, pesare tutto; poi sono certa, con il passare dei giorni ci farò l’occhio. Fortunatamente ho tanti abbinamenti e alternative per comporre i miei pasti, che sono ben cinque al giorno.
Oggi però non riesco a fare i 45’ di attività fisica, dovrò accontentarmi di scendere una fermata prima della metro e delle due ore di milonga fatte ieri sera, ma domani è un altro giorno (Rossella O’Hara docet) e adesso grazie a dnaslim so che il mio sovrappeso non è una Tara genetica :)))))  (sono un’idiota, anche questo è nel mio dna!).
Dimentico qualcosa? Sì, di pubblicare il mio peso attuale che stamattina era di 68,8 kg (161 cm di “altezza”).
Sulla bilancia voglio risalire settimana prossima, non prima, peserò già tanti alimenti in questi giorni e non voglio mettermi troppa pressione addosso, quella sì che mi peserebbe molto!
Toh, è già ora dello spuntino! Non ho fame (sarà un bene?) ma devo essere ligia, i miei geni non perdonano ma ora io so come ingraziarmeli.

1 Comment on DNA Slim

  1. lucrezia
    30 Sep ’13 at 20:42 (10 months ago)

    ciao!passavo dal tuo blog ed ho trovato un po’ di nuovi post tra cui questo….in bocca al lupo!!!!Sono sicura che vincerai.lucre

    Reply

Leave a Reply